Siciliazero

 

2010

 

Il Tamburo di Aci     

 


A volte è più facile iniziare da capo, ripartire da zero, guardarsi alle spalle per capire il presente piuttosto che correre in avanti come un cavallo con i paraocchi. Siciliazero è un viaggio nel tempo, una spedizione alla ricerca dei ritmi, delle sonorità, dei caratteri stilistici e delle peculiarità interpretative del canto di tradizione orale, presenti nella cultura musicale dei nostri avi. Siciliazero è un osservatore fedele che guarda, come solo un contemporaneo può fare, sia alla musica del popolo in senso stretto, la musica dei giardini e dei contadini, sia all’arte definita “colta”, quella delle ricche corti dell’Ottocento e dei teatri. Siciliazero è un cammino esplorativo attraverso i secoli che non va in una sola direzione, bensì si muove parallelamente su binari contrapposti, avanti e indietro nel tempo, con una intermittenza quasi ciclica. L’ascoltatore è guidato attraverso la storia della musica siciliana, condotto lungo un sentiero mutevole che via via diviene viottolo, strada asfaltata, viale alberato, verso paesaggi simbolici dell’era moderna. Istante dopo istante, senza alcuna forzatura, senza frastuoni, senza boati giunge all’orecchio il suono contemporaneo. È un bell'apparire, un’immagine facilmente riconoscibile, parafrasi di un sentire comune. I Beddi interpretano questo sentire con una sincerità e una spontaneità non comuni, coscientemente mettono sottosopra quella che oggi viene definita la nuova canzone siciliana per mostrarne le radici, il tronco, i rami così da poter comprendere e spiegare le forme e i colori dei nuovi frutti che spuntano tra le moderne foglie. Frutti sonori di squillanti marranzani percossi con innovazione sostenibile, prosecuzione di un suono che fu; di flauti di canna soffiati con frenesia e passione; di tamburelli eleganti riportati alla dignità che appartiene loro; di zampogne evocative; di mandole e mandolini apparentemente senza tempo; di trombe, trombette, cianciane, chitarre e chitarrine; di armoniche, fisarmoniche, tamburi e tamburini, pianoforti e contrabbassi. Frutti di voci mature che ricordano l’oggi, il passato e il domani.



  1. Unnici li regni (D. Urso/G. Nunzio)
  2. Alavò (Tradizionale)
  3. Vegnu a cantari a li vostri facciati (Tradizionale)
  4. Tarantella di mastru Nunziu (G. Nunzio)
  5. A la fera di li paroli (D. Urso)
  6. Ju sugnu nta la valli di Minnola (Tradizionale)
  7. Tarantella blues (D. Urso)
  8. ‘A viddanedda (Tradizionale)
  9. Olì olì olà/Tarantolà (R. Balistreri/G. Nunzio)
  10. Marzapaneddu chinu d’ammustura (Tradizionale) 
  11. Lassarimi accussì/Aria di carzaratu (R. Balistreri/G. Nunzio)
  12. Il buffone (D.Urso) 

Disponibile su



A LA FERA DI LI PAROLI VIDEOCLIP



TESTI

 

Unnici li regni

Testo di Davide Urso

Ispirato dalla raccolta Canti popolari siciliani (volume I) di Giuseppe Pitrè. Sezione: Amore e baci – canto 110

Una ‘a muntagna di focu vistuta

Dui su’ li lustri ca t’haju pirduta

Tri su’ li punti di st’isula amata

Quattru i risvoti di chista cantata

Cincu i cuntinenti unni fusti circata

Sei su’ li mari unni fu mareggiata

Setti li voti ca fusti muntuata

Ottu su’ l’anni ca vaju ppi strata

Novi ‘i cuntradi a tunnu furriati

Deci i casteddi scalati e sarbati

Unnici li regni a li capi ciuriti

Dudici donni di veli parati

Tridici ninfi addumati pariti

Quattordici servi d’unuri ‘mpittuti

Chinnici eunuchi e sidici muti

Diciassetti su’ li schetti arribbattuti

Diciottu sunnu i beddi ‘nnamurati

Diciannovi amanti e vinti ziti

E si chiamaru di vui li ‘nnamurati

E si chiamaru di tu li ‘nnamurati 

 

Alavò

Testo tradizionale

E alavò e a la ninna dormi stu figghiu

chi di sonnu spinna.

E alavò dormi e arriposa ciuri d’amenta

e scocca di rosa.

E alavò dormi ed abbenta scocca di rosa

e ciuri d’amenta.

E alavò e alavò e tutti dormunu

e tu no.

 

Vegnu a cantari a li vostri facciati

Testo tradizionale

Vegnu a cantari a li vostri facciati

ora ch’è notti e non mi canusciti.

Vui ddocaintra la me amanti aviti

chidda cu ddi labbruzzi zzuccarati.

Facitimmilla vidiri faciti,

‘n jornu sarà la me’ si mi la dati.

E si ppi sorta vui non mi la dati

iò mi la pigghiu e vui chi mi faciti?

Si dopu a la pretura mi purtati

spisi pagati e me’ soggira siti 

 

A la fera di li Paroli

Testo di Davide Urso

Pizzica spizzica muzzica rusica

pizzula rummula ruzzula strummula

azziddica stuzzica scuncica mizzica

mizzica mizzica.

Chista e’ la fera di li paroli

accattini una, lu sai quantu vali?

Questa è la fiera delle parole

comprane una vedrai quanto vale.

Nta stu mircatu passi pariggiu

abbunnunu i nummara senza ‘nu sgaggiu.

Questo mercato invoglia l’acquisto

abbondano i numeri e non uno guasto.

Si nun ci ha statu ti lu cunsigghiu

capaci c’attrovi lu miniminagghiu.

Te lo consiglio è lungo la strada

forse ci trovi un’antica sciarada.

Attrovi vucali assulicchiati

nta li panara ritti e abbissati.

Dentro le ceste delle parole

trovi vocali seccate al sole.

Di primu acchittu nun ti n’adduni

ca stanu addritta du’ cungiunzioni.

A primo impatto non te n’avvedi

due congiunzioni stan ferme all’impiedi.

Ê picciriddi accatti l’accenti

ê chiu’ rannuzzi virguli e punti.

Per i bambini compri gli accenti

per i piu grandi virgole e punti.

Li fimmineddi scangiunu ciuri

li vicchiareddi ‘nnimini e storii.

Giovani donne barattan fiori

scambiano storie gli anziani signori.

Di ‘ncapumastru n’uttava cca rima

di ‘ncapubanna ‘na nota cca scrima.

Di un capomastro una rima baciata

di un capobanda una nota intonata.

Di ‘na mavara ‘na mavarìa

ammisturata cu ‘na litania.

Un incantesimo di una megera

sembra l’incedere di una preghiera.

Si cunta e ricunta c‘a stari accura

arretu s’ammuccia ‘na vecchia signura

pari pulita tutta agghiummata

‘nciuri  nta testa bella e abbissata.

A quannu  a quannu cerchi ed attrovi

ammenzu ê cufina ‘na bonanova

sta vicchiaredda ccu santa duvizia

alluzza l’occhi supra ‘a nutizia.

D’attagghiu s’allasca ccu ‘na scaciuni

‘na spinticedda je n’ammuttuni

cu manu di jatta afferra ‘a quistioni

e si l’agghiaccia sta bedda opinioni

avogghia a schigghiari avogghia a scuppari

ccu arti studiata è lesta a scappari.

 Ma si racconta che in questa fiera

gira e rigira una vecchia signora

sembra distinta ricca di fiocchi

fiori ai capelli lucidi gli occhi

e proprio quando cerchi e la trovi

tra le bancate la buona nuova

questa vecchietta con santa dovizia

adocchia in fretta la stessa notizia.

Accanto si erge pronta di scuse

quasi spingendo vantando pretese

con mani fatate afferra l’avviso

la bella questione, con fare preciso

le tue lamentele rimangono tali

lesta già fugge lungo i viali.

 

Ju sugnu nta la valli di minnola  

Testo tradizionale

Questo canto d’amore, presente in versione ridotta nella raccolta di canti popolari Era Sicilia curata da Antonino Uccello, scaturisce da una lunga tradizione orale. Il poeta popolare canta il suo stato disagio, di solitudine nella valle di Minnola come se fosse un carcerato (riprende, infatti, un noto distico del repertorio del carcere: nun sentu nè raloggiu nè campani/sulu chi sentu scrusciu di catini, presente tra l’altro nella raccolta di canti siciliani Corpus di musiche popolari siciliane di Alberto Favara. Capitolo: Canti lirici - Canto 54 - titolo: Vicariota). Ma il sabato sopraggiunge a da gioia (rallegra il cuore) soprattutto a chi ha la moglie bella e non trascorre il tempo a contare denari.

Ju sugnu nta la valli di Minnola

non sacciu quann’è sabbutu la sira,

non sentu nè riloggiu e nè campani,

ca sulu sentu scrusciu di catini.

Lu sabbutu si chiama allegracori

biatu cu havi bedda la mugghieri,

cu l’havi brutta cci scura lu cori

mancu spia lu sabbatu quann’eni.

Lu sabbutu si sapi allegracori

massimamenti ppi li jurnatari,

e a lu patruni cci scura lu cori

ppi tutti i picciutteddi c’a pagari.

Cu havi rinari picca sempri cunta

cu havi a mugghieri bedda sempre canta,

e lu me cori jè accussi cuntentu

di la me cumpagnia ju mi nni vantu.

Figghiuzza mi cadisti di lu cori

comu ‘n panaru di mennuli amari,

si vogghiu ti nni fazzu scattacori

e di la pena ti fazzu muriri.

 

Tarantella Blues

Testo di Davide Urso 

Sutta ‘n celu ‘mpastatu di stiddi

pezzi di canna e tammuri di peddi

balli a furriari nta li vaneddi

passi a danzari li taranteddi.

Sotto un cielo velato di stelle

pezzi di canna e tamburi di pelle

nelle viuzze stoffe ballare

ombre danzare le tarantelle.

Jettu sangu e portu ‘a cruci

ma sta terra nun la lassu.

Sautu abballu e jettu vuci

ma sta terra nun la lassu.

Chista terra amara e duci

nun la lassu nun la lassu.

D’i cosi stotti ju mi lamentu

e a stu mumentu sugnu scuntentu,

ppi miliuni di genti bagascia

c’è cu t’imbrogghia e cu t’alliscia.

Tarantella blues, ppi sta terra folk.  

Nta li stratuzzi miliuni di munni

tanti parrati ammiscati di l’anni

l’orbi cantori e li sunaturi

di l’antichi ci cuntunu ‘i storii.

Nei vicoletti milioni di mondi

lingue mischiate a dialetti bastardi

dei nostri avi durante la festa

senti i cantori narrare le gesta.

Ogni npocu cangiu travagghiu

‘n misi ‘n campagna e ‘n misi nto bagghiu,

ppi du’ liri ‘nu piattu e ‘nu lettu

tutti ‘i jorna a fari lu bottu.

A matina ciauru di mori

a manzjornu s’affaccia  ‘n ciuri,

e a la sira a la finestra

ciauru di ventu ciauru di mari.

Al mattino odore di more

a mezzogiorno si schiude un fiore,

tutte le sere alla finestra

soffia incessante la brezza del mare.

‘Na vota mi dissiru ca mi n’a jiri

Una volta mi dissero: «dovresti andare»

Si ni ni jemu, appoi cu rimani?

Se ce ne andiamo, poi chi rimane?

 

A viddanedda

Testo tradizionale

Mentri ca jo scinnia di la chiana

ppi strada  mi ‘ncuntrau ‘na viddanedda

ppi strada  mi ‘ncuntrau ‘na viddanedda

all’acqua si nn’annava la me bedda.

E jo m’avvicinai tuttu trimanti

ci dissi bedda mia chi si baggiana

ci dissi bedda mia chi si baggiana

idda m’arrispunnìu lassimi stari.

E nun si fa parrari sta priputenti

e mi sunau ‘na bedda timpulata

e mi sunau ‘na bedda timpulata

ca non m’a scordu no ppi tutta ‘a vita.

Ma si la scontru ammenzu a lu vadduni

tutti li santi ci fazzu chiamari

tutti li santi ci fazzu chiamari

a costu di la vita l‘a vasari.

 

Olì olì olà

Testo di Rosa Balistreri

Olì olì olà quantu paroli

palazzu fabbricatu, olì olì olà,

palazzu fabbricatu ‘menzu lu mari.

‘Menzu lu mari c’è ‘na villanova

veni lu ventu e la, olì olì olà

veni lu ventu e l’ammutta a la praia. 

Ci sta ‘na picciuttedda mariola

di nomi ci mittemu, olì olì olà,

di nomu ci mittemu Camiola.

Teni li capidduzzi bruni e rizzi

e si li ‘ntrizza a la, olì olì olà,

e si li ‘ntrizza a la palermitana.

 

Marzapaneddu chinu d’ammustura

Liberamente tratto dalla raccolta di canti siciliani Corpus di musiche popolari siciliane di Alberto Favara pubblicato a cura di Ottavio Tiby per l’Accademia di Scienze Lettere e Arti di Palermo (1957). Capitolo: Canti lirici - Canti 60 e 158

Marzapaneddu chinu d'ammustura

dammi la to’ 'mprumissa chi m’ha’ dari

mi ’mprumittisti lu to’ muccaturi

chiddu chi d'oru t'haiu a riccamari.

Punta pi punta ci mettu ‘na ciuri

e mmenzu lu me’ cori pi signali

tannu si scurdirà lu nostru amuri

quannu di giugnu veni lu Natali.

Rosa rusidda di milli culuri

soccu mi ‘mprumittisti mi l’ha dari

mi ‘mprumittisti ‘n jancu muccaturi

d'oru e d'argentu mi l'ha ricamari.

Punta pi punta ci metti ‘na ciuri

menzu lu to’ cori pi signali

tannu si spartirà lu nostru amuri

quannu chi sicca l’acqua di lu mari.

 

Lassarimi accussì

Testo di Rosa Balistreri   

Lassarimi accussì nun ti cunveni

lassarimi accussì senza ragiuni

un tempu mi vulivi tantu beni

ora su’ carzaratu e m’abbannuni.

Ma penzatilla  a senzi sireni

pensaci ca fui ju lu primu amuri

nta stu pittuzzu ‘nu siggillu teni

du’ paruleddi scritti all’ammucciuni.

 

Il Buffone

Testo di Davide Urso

Mi presento sono il buffone

Tamburo di nome,  di Aci il cognome.

E questi son beddi dai gesti gentili

dai petti villosi e le arie virili.

Giovani e meno, con voci di incanto,

di questi musici io me ne vanto.

Questi picciotti raccontano storie

di tempi passati e antiche memorie.

Questi picciotti, con me compreso,

pigliano al petto, piglian di peso.

Ruban la chiave segreta del cuore

dando piacere all’ascoltatore.

Belli di dentro e forti di fuori,

ma a noi che ci importa siam bravi cantori.

Momenti sereni doniamo alla gente,

ricordi infantili che ritornano in mente.

Tanta passione e tanta allegrezza

e un po’ di intensa e soave ebbrezza.